Paroles de jardiniers 2015 Jardin de Spectacles

Jardin de Spectacles 2015

Saint Germain en Laye
Risorgenze - Carugo 2015 - artandwater installazione artistica

Risorgenze 2015

Carugo
sansepolcro acqua di tutti

Idrophilia 2015

Sansepolcro
ecomondo 2013 art and water installazione artistica

Ecomondo 2013

Ecomondo 2013
artandwater installazione artistica acqua di tutti savignano sifest

SI Fest 2013 Specie di Spazi

Savignano sR

artandwater italian versionL’acqua è di tutti è un’installazione artistica interattiva che fonde insieme arti plastiche, musica e filosofia del riutilizzo di materiali e rifiuti.

Ideata a Rimini in occasione di Ambiente Festival 2010 e creata a Périgueux (Francia) in occasione del Festival Art et Eau 2011, L’acqua è di tutti riflette sulle implicazioni dello sfruttamento dell’elemento idrico e sulle cattive abitudini individuali che danneggiano e impoveriscono l’ambiente. Si propone di restituire all’acqua la dignità di bene comune e relazionale, traducendola in una poesia di sensi ed emozioni.
Rivestita con comuni bottiglie in PET per l’acqua, recuperate e lavorate in appositi workshop formativi, affiora e beccheggia come un’immensa bottiglia abbandonata nell’ambiente.
Al suo interno trovano posto quattro fontane musicali - manufatti artistici che il pubblico è libero di suonare come veri e propri strumenti ad arco. Le musiche originali delle fontane sonore sono di Marco Mantovani.

L’acqua è di tutti è opera d’arte e monumento etico.

[Presentazione integrale]

 

artandwater english versionWater Belongs to Everyone is an interactive installation that merges art, music and sustainability.

Water Belongs to Everyone was created in 2011 thanks to a twinning between Rimini and Périgueux (France) municipalities. It is a meditation on the industrial exploitation of the water resource as well as on our personal bad habits, which damage and impoverish the environment. In essence, we propose to return to water its dignity as a common and relational good.
Coated with ordinary PET bottles, reclaimed and manually operated through educational workshops, it emerges and pitches just like a dumped, huge bottle. Inside, four musical fountains take cover – four special artifacs that the visitors can freely play as though they were a string quartet. Their music in an original composition by collaborator Marco Mantovani.

It is both work of art and ethical testimonial.

[Full English Version]